Massimo non può trascinare tutti in “Spartacus”

trasferimenti

Massimo non può trascinare tutti in “Spartacus”, a cui punta con un dito lombardo.

E ‘ovvio che la squadra ha bisogno di crescere e cambiare, così in estate per Carrera si aspetta circa 5 novizi (per esempio, un buon difensore nella difesa e il russo partecipazione centrocampista centrale), ma per loro è necessario rilasciare lo stesso numero di posti a sedere, in modo da non fare a meno di un po’ di zachistiki. Se Promes lascia, la sua posizione avrà bisogno di un sostituto per l’abilità di Quincy.

Scout rosse e bianche dovranno pettinare con cura attraverso il mercato estero di trasferimento, come in “Spartak-2” ha un buon giovane, ma il suo livello chiaramente non può essere confrontato con la classe di giovani giocatori della stessa CSKA.

Tuttavia, questa non è una novità.

sede centrale

Massimo è sempre pronto per una discussione costruttiva dei problemi all’interno del team – ascolta aiutanti e assistenti opinioni stimati, ma la scelta è di solito riserve.

Solo Carrera in “Spartacus” determina il destino degli italiani dal suo ambiente di coaching. Massimo non espellere romana Pilipchuk, e il mancato rinnovo di un contratto con un preparatore atletico Giorgio D’Urbano, che ha recentemente riferito Sport24.ru, a quanto pare, non sarà facile per la Carrera, anche se non è la soluzione del coach principale.

Ferite frequenti e guasti funzionali alla fine delle partite della passata stagione – questi fatti sono difficili da ignorare.

La cattiveria di Pilipchuk, trasferimenti di “Spartacus” e altre tesi dall’intervista di Carrera. Foto: Spartacus

motivazione

Carrera – non un sostenitore di sanzioni: sanzioni pecuniarie preferisce interviste personali con i giocatori estinte che sono nel bisogno.

Massimo ammette che la squadra che ha vinto medaglie d’oro la scorsa stagione, in passato non ha sviluppato una mentalità importante dei vincitori.

Carrera rabbia può manifestarsi come ricarica per il calcio flaccido, anche se egli parla apertamente di che i discorsi infuocati, emozioni vivide e altre espressioni non sempre agire sui giocatori, modificando i risultati delle partite senza successo.